Stampa

Toscana_Maremma_pineta_01.jpgdi Francesca Carpenetti

Marina di Grosseto: Appuntamento a Marina di Grosseto nel pomeriggio di domani venerdi 2 marzo all’Hotel Terme Marine Leopoldo II, per affrontare con una giornata di studi il problema delle pineta costiera, che ormai non appartiene più soltanto alle situazioni di emergenza.

Il convegno è organizzato dalla Pro loco con l’Accademia dei Georgofili (sezione centro-ovest), le università di Pisa, di Firenze e della Tuscia, il Crea, la Regione Toscana, l’Ordine dei dottori agronomi e dottori forestali di Grosseto e il patrocinio del Comune di Grosseto.

Negli Stati Uniti il pino domestico viene chiamano “Italian stone pine”. Questo perché il pino è l’albero simbolo d’Italia, e ancora di più è l'albero della costiera maremmana. Come cancellare dagli occhi le immagini dell’incendio devastante che lo scorso luglio colpì Marina di Grosseto fino alle abitazioni, o di quello di Fiumara. E solo l' anno precedente era andato distrutto il Vivaio di Principina, mentre indietro di poco tempo, nel 2012 scomparvero in fumo ettari ed ettari di pineta, tanto da risultarne dolorosamente modificato lo stesso impatto morfologico del paesaggio.

Il titolo del convegno quindi richiama la problematica situazione della nostra pineta, messa sotto assedio non solo dagli incendi ripetuti, ma anche da attacchi di insetti provenienti da altre zone geografiche, dai cambiamenti climatici, da una gestione che spesso è stata di abbandono, e da tutte le difficoltà legate ai carichi antropici.
I relatori del convegno appartengono al mondo universitario (Università di Pisa, della Tuscia, di Firenze) e agli enti pubblici come Regione e Ministero, e sono annoverati tra i massimi esperti nel campo della gestione forestale. Saranno affiancati da rappresentanze del territorio maremmano e regionale, insieme ad importanti competenze provenienti dalla riviera romagnola.

pini.jpgIl convegno sarà coordinato dal prof. Amedeo Alpi, presidente delegato della sezione centro-ovest dell’Accademia dei Georgofili, esperto conoscitore della pineta costiera sotto il profilo scientifico ma anche per le radici affettive che lo legano alla Maremma. Interverranno Leonardo Rombai (Università Firenze), Giacomo Lorenzini (Università Pisa), Luigi Portoghesi (Università della Tuscia), Pio Federico Roversi (Crea, Roma), Sandro Pieroni e Gianluca Calvan (Regione Toscana), Benvenuto Spargi (Ordine dei dottori Agronomi e dottori Forestali), Riccardo Todoli ed Emilio Tricoli (Comune di Cervia), Gianluca Brunori (Università di Pisa).

Gli interventi illustreranno la situazione attuale della pineta e le sue prospettive future per capire come si possa intervenire nel breve e lungo periodo in chiave di salvaguardia e di valorizzazione. E perché magari possa partire da qui, da Marina di Grosseto e Principina a Mare, un protocollo potenzialmente applicabile anche ad altri boschi in difficoltà in tutta Italia, visto lo stato precario delle pinete di altre fasce costiere italiane

Il corso dà accreditamento nell'ambito dei programmi per l’aggiornamento e sviluppo professionale continuo per dottori agronomi e forestali e architetti.

La partecipazione alla giornata di studio è aperta a tutti.

locandina convegno pinete.jpg

Categoria: AMBIENTE
Visite: 386

I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza . I cookie utilizzati per il funzionamento essenziale di questo sito sono gia' state impostate. Per saperne di pi sui cookie che utilizziamo, vedere le Informazioni sui Cookie.

  Accetto i cookie da questo sito.
EU Cookie Directive Module Information