IMG_8923.JPGImprese, cultura, storia, tradizione e innovazione si incontrano in Maremma dal 26 al 28 maggio per fare il punto sulle innovazioni in agricoltura con prove tecnico - pratiche in vigneto. Oggi la terza ed ultima giornata di “Maremma Toscana meets Bordeaux, forum invention talent in open world” che si terrà presso l’azienda vitivinicola “La Maliosa” (Località podere Monte Cavallo, Manciano) alle ore 10.00.

Manciano: Per il gran finale dell’evento, saranno protagonisti i vini biodinamici e vegani di questa azienda maremmana gestita da Antonella Manuli, imprenditrice vitivinicola cresciuta tra l’Italia, la Svizzera e gli Stati Uniti.

Al suo fianco, Lorenzo Corino, agronomo e ricercatore, autore di decine di pubblicazioni a carattere tecnico-scientifico nel settore vitivinicolo, che, insieme alla titolare, ha codificato il “Metodo Corino” (brevetto depositato), finalizzato a una produzione di valore che non si limita ai soli prodotti uva e vino, ma comprende anche la longevità dei vigneti, la cultura, gli stili di vita, la tutela del paesaggio, la valenza patrimoniale dei territori nonché un margine di utile per i produttori. Una ricerca innovativa volta all’ottenimento di vini naturali, salubri, originali, di alta qualità e totale espressione del loro territorio di provenienza.

“Sono orgogliosa di poter portare – sottolinea Antonella Manuli – la mia testimonianza in questo evento così d’avanguardia che fa parlare la Maremma con Bordeaux per la prima volta. Il nostro intervento al convegno internazionale del 27 maggio ha avuto un focus sulla sostenibilità ambientale e la salubrità dei prodotti che è la nostra mission, e di come può essere esercitata anche attraverso un’agronomia di precisione, che si rivolge soprattutto all’utilizzo delle risorse naturali presenti nel contesto agronomico, piuttosto che tramite strumentazioni meccaniche. Queste tecniche innovative sviluppate insieme al professor Lorenzo Corino, rappresentano una evoluzione della biodinamica in senso vegetale e sono state da noi codificate in un brevetto: il Metodo Corino.”

IMG_8922.JPG

La seconda giornata si è appena conclusa al Palazzo dei Congressi di Scansano con numerosi interventi di relatori italiani e stranieri, dopo i saluti istituzionali delle organizzazioni promotrici in partnership e patrocinanti.
Dopo l’introduzione del vicesindaco di Scansano Pasquale Quitadamo, di Luciano Teglielli, Presidente del Consorzio di Tutela del Morellino di Scansano, di Leandro Brugi, Presidente del Rotary Club Pitigliano, Sorano e Manciano, di Raikhana Daerbikova, Ambasciatrice in Russia del Rotary Club de France e di Richard Harris, presidente dell’associazione “La Maremma delle Idee”, si sono alternati al tavolo dei relatori il Dr. Marco Firmati, già direttore del Museo Archeologico di Scansano, che ha trattato il tema riguardante la ricerca archeologica delle antiche viticolture e Pietro Pettini, Presidente dell’Ordine degli Architetti di Grosseto, che ha focalizzato l’attenzione sul rapporto tra cantine firmate da archistar e territorio. Vino come totem, vino che diventa elemento simbolico e strumento di comunicazione e marketing dell’azienda, sempre più luogo non solo produttivo ma anche elemento di distinzione rispetto ai competitor, questi i punti principali della sua relazione. Nel corso della mattinata Riccardo Ortimini, geometra progettista della Cantina di Tenuta Dodici, ha descritto il progetto di questa cantina, un esponente di FAM, azienda sponsor dell’evento, ha esposto i propri prodotti relativi alla vinificazione e Thomas Bigliazzi si è focalizzato sull’agricoltura di precisione in vigna con strumentazioni Geomax (altro sponsor dell’evento). Molto interessanti anche gli interventi di Michel Duclos, con la sua relazione su ambiente e clima e di Edoardo Donato, Presidente del Consorzio di Tutela Doc Maremma Toscana.

Nel pomeriggio, oltre al Metodo Corino, illustrato da Sauro Simoni, Antonella Manuli e lo stesso Lorenzo Corino, sono state affrontate le dinamiche e le peculiarità dell’e-commerce nel settore enologico a cura di Carlo Vivarelli e l’utilizzo dei sistemi di pilotaggio remoto in agricoltura da parte del Prof. Francesco Sorbetti Guerri dell’Università di Firenze. Presente anche il Gruppo Provvedi, con un intervento sui droni in agricoltura e il Dr. Pattacini di EMAC Spa con uno sui droni terrestri. A conclusione dei lavori, una tavola rotonda riguardante i problemi dei viticoltori nella gestione dei costi di manutenzione dei vigneti e di quanto l’agricoltura di precisione possa andare loro incontro.

Maremma Toscana meets Bordeaux, promosso ed organizzato dal Rotary Club de France International, in collaborazione con il Rotary Club Massa Marittima, è sponsorizzato da Tenuta Dodici, Geomax, Fam, Edilmark, Chateau Le Truch, Hera Soluzioni Territoriali, Letizia Pini Relazioni Pubbliche e Comunicazione, Internetfly.com, Antico Casale di Scansano, Scuola Europea di Sommelier, Stefania Fantasia Donna hair designer, Tv9, Cantina dei Vignaioli di Scansano ed ha ottenuto il patrocinio di: Comune di Scansano, Consorzio di tutela della Doc Maremma, Consorzio di Tutela del Morellino di Scansano, Ordine degli ingegneri di Grosseto, Ordine degli architetti di Grosseto, Ordine degli agronomi di Grosseto, Collegio dei periti agrari di Grosseto, Collegio dei Geometri di Grosseto, FERPI Toscana, Maremma delle Idee, M.A.C.O. (Museo di Arte e Cultura Orientale di Arcidosso).

IMG_8919.JPG